+39 059 787 924 3

News

GlassUp in partenership con CEA: 50 occchiali per la Cooperativa Edile Appennino

7 agosto 2018

Il Piano Nazionale Industria 4.0 è oramai noto alla stragrande maggioranza delle aziende italiane. Gli incentivi agli investimenti si sono tradotti per CEA, Cooperativa Edile Appennino con sede a Calderara di Reno (BO), con cui è stato siglato un accordo di esclusiva per il settore edile, nell’acquisto di 50 GlassUp f4, occhiali a realtà aumentata pensati per utilizzo industriale. F4, dal design robusto e dal fit confortevole, ha le caratteristiche di una maschera di protezione che permette la fruizione di contenuti quali pdf, immagini, manuali di istruzione e, in generale, di qualsiasi informazione a supporto di un processo lavorativo.

Le cinquanta maestranze emiliane vestite di altrettanti occhiali vedranno la tecnologia della realtà aumentata al centro dei propri cantieri. Obiettivo? Ottimizzare la manutenzione delle infrastrutture sfruttando la funzione di assistenza in remoto dell’occhiale. Sarà così possibile per il caposquadra, monitorare a distanza i lavori in cantiere e fornire agli operatori che indossano il nostro wearable, indicazioni chiare e puntuali in merito agli interventi manutentivi da attuare. Tutto questo, tramite chiamate vocali e videostreaming. Streaming dal quale l’operatore potrà catturare dei frame che, il supervisore riceverà in diretta sulla sua dashboard e sarà in grado di modificare graficamente dal proprio computer. Grazie ad un campo visivo di realtà aumentata non intrusivo, il lavoratore continuerà ad essere immerso nella realtà circostante e, per mezzo delle informazioni aggiuntive visualizzate, saprà esattamente come intervenire. Altra funzione di punta di F4 è poi quella dell’on the job training grazie alla quale, in modalità e-learning, i lavoratori più junior potranno visualizzare contenuti formativi, come ad esempio tutorial realizzati direttamente attraverso riprese effettuate con l’occhiale dai lavoratori più esperti.

F4, presentandosi come interfaccia uomo-macchina trova ampi margini di fruibilità, oltre che nei cantieri edili e in quei contesti dove si interviene su infrastruttura, anche in tutte le aziende manifatturiere e, in generale, in tutte quelle imprese che, approfittando magari degli incentivi statali, vogliano ricorrere ad un wearable sì tecnologico, ma soprattutto robusto e easy to use.